Vinzibus: “Non ha senso trasferire il servizio pasti”

Le perplessità di Paul Tschigg, responsabile della Società San Vincenzo. Nelle serate più fredde i volontari arrivano a distribuire anche 300 pasti

di Rosanna Oliveri

05 Tschigg

“Non mi risulta che il Vinzibus si debba trasferire da piazza Verdi. Questo servizio in questa zona è stato attivato da poco, ha anche avuto dei costi ed è in questa zona che c’è una vera emergenza quindi non comprenderei il senso del trasferimento. Ho appreso anch’io la notizia della possibilità di un nostro trasloco soltanto dai giornali, ma a me questa informazione risulta priva di fondamento”.

A fare queste dichiarazioni non è un passante qualsiasi ma Paul Tschigg, responsabile del servizio Vinzibus, il veicolo-stazione di servizio con cui i volontari ogni giorno distribuiscono pranzi gratuitamente a chi si presenta davanti a loro. Dal tono delle parole del responsabile del Vinzibus traspare una certa insofferenza per le continue attenzioni al loro servizio. “Il nostro è un lavoro basato esclusivamente sul lavoro volontario e sulle offerte che riceviamo a titolo di beneficenza – specifica infatti ancora prima che gli si possa fare la domanda – e non usufruiamo in alcun modo di soldi pubblici, né tanto meno qui nessuno viene pagato”.
Sulla descrizione degli utenti del loro servizio, Tschigg taglia corto: “Sono centinaia i pasti che prepariamo e distribuiamo ogni giorno. Noi non facciamo domande o tanto meno indagini per capire se chi si presenta davanti a noi abbia o no veramente bisogno, ma quando in serate gelide di pioggia e freddo, prepariamo più di trecento pasti e tutti vengono esauriti da persone che si presentano per avere un piatto caldo, questo per noi vuol dire solo una cosa ed è anche molto semplice e chiara: ci sono persone, e anche tante, che hanno fame ed è questo è il vero dato importante. Non sappiamo quante, ma sappiamo che sono parecchie, troppe, c’è tanto bisogno e noi vogliamo contribuire ad aiutare. Vengono da noi persone che hanno avuto problemi di alcol o di droga, ma anche senzatetto, immigrati che non hanno niente, richiedenti asilo, ma per capire che sono bisognosi non c’è bisogno di chiedere la carta d’identità o il codice fiscale. Vengono aiutati tutti, non importa l’età, il sesso o da che Paese del mondo vengano”...

L’articolo completo è disponibile sul numero di marzo di METROpolis – Cultura & Sociale a Bolzano, in vendita in tutte le edicole di Bolzano e in abbonamento.

Sfoglia qui la versione digitale sul sito

ULTIME NOTIZIE

Piazza delle Erbe, arriva l’estate... e movida sia!

Piazza delle Erbe, arriva l’estate... e movida sia!

Piccolo tour nei locali del centro storico che animano le serate cittadine
Gestori e baristi: “Noi garantiamo la sicurezza ma vorremmo più musica”

Leggi tutto

Chiusura con una prima esecuzione

Chiusura con una prima esecuzione

Il 5 giugno l’Orchestra Haydn diretta da George Pehlivanian eseguirà il Concerto doppio per marimba e timpani di Rosauro

Leggi tutto

Stabile, il teatro ritorna fuori dal teatro

Stabile, il teatro ritorna fuori dal teatro

Fino al 21 giugno tanti spettacoli in luoghi urbani e poco convenzionali
Curiosità per le riduzioni drammatizzate di grandi classici cinematografici

Leggi tutto

Volxsfest/A, musica e tradizioni sui Prati

Volxsfest/A, musica e tradizioni sui Prati

Venerdì 15 e sabato 16 giugno il piazzale “Alexander Langer” ospiterà la XXIV edizione della kermesse organizzata dall’emittente Radio Tandem

Leggi tutto

Ex Josefsheim, gli anziani incontrano i giovani

Ex Josefsheim, gli anziani incontrano i giovani

Tutti i particolari del progetto abitativo che sorgerà ad Aslago nel 2021
Von Dellemann: “Avremo 52 alloggi sicuri, accessibili e dotati di servizi”

Leggi tutto

Neurologia, mancano medici e posti letto

Neurologia, mancano medici e posti letto

Intervista al professor Francesco Teatini, primario reggente da maggio 2017
“I disturbi circolatori del cervello causano più morti dell’infarto del miocardio”

Leggi tutto

Oscar Ferrari, il cantautore che costruisce serre

Oscar Ferrari, il cantautore che costruisce serre

“Ogni anno vorrei scrivere un libro ma poi mi tocca lavorare in campagna”
Della scena musicale nostrana stima Prandini, I Polemici e Maurizio Riglione

Leggi tutto

L’elettrizzante energia di Europa-Novacella

L’elettrizzante energia di Europa-Novacella

Gaia Carroli, direttrice del Centro Giovani Corto Circuito: “Da settembre organizzeremo attività teatrali e iniziative sulle musiche del mondo e sui libri”

Leggi tutto

Giovanni Kezich e “La Vecchia Mitraglia”

Giovanni Kezich e “La Vecchia Mitraglia”

Intervista all’antropologo-violinista che dirige il Museo di San Michele
La sua piccola orchestra acustica suonerà il 19 giugno a Palazzo Mercantile

Leggi tutto

“L’impero delle luci” di Umberto Russo

“L’impero delle luci” di Umberto Russo

Lo studio del notaio bolzanino di origini siciliane è una sorta di galleria d’arte
“Appendo le opere alle pareti per condividere l’allegria che mi trasmettono”

Leggi tutto

Il Germoglio, per diffondere la non-violenza

Il Germoglio, per diffondere la non-violenza

Il servizio inaugurato nel 1996 combatte tutte le forme di maltrattamento Determinante il coinvolgimento di scuola, famiglie e pubbliche istituzioni

Leggi tutto

“Abbiamo il dovere di abbattere le barriere mentali”

“Abbiamo il dovere di abbattere le barriere mentali”

Intervista alla nuova sovrintendente scolastica tedesca Sigrun Falkensteiner
“La società mistilingue è già realtà, occorre una mente aperta e spensierata”

Leggi tutto

TimeAut, interventi domiciliari per le famiglie

TimeAut, interventi domiciliari per le famiglie

La cooperativa sociale si occupa da 4 anni di assistenza a bambini autistici
Per facilitare l’accettazione esterna sono stati avviati progetti con le scuole

Leggi tutto

ALIR Alto Adige, un respiro di salute

ALIR Alto Adige, un respiro di salute

L’associazione cittadina contro l’insufficienza respiratoria ha più di 200 soci
La presidente Bregoli Papa : “La Provincia dovrebbe fornirci nuovi macchinari”

Leggi tutto

Mamme di Bolzano, dai social al sociale

Mamme di Bolzano, dai social al sociale

Il gruppo Facebook creato da Luana Di Maio e Romina Luppi (5mila iscritte) è sfociato in una sede reale diventata un punto di riferimento per la città

Leggi tutto

Botteghe del Mondo, l’altra economia è possibile

Botteghe del Mondo, l’altra economia è possibile

La responsabile Monica Gamper: “Non facciamo carità o assistenzialismo.
Il commercio equo e solidale tutela la dignità dei lavoratori e dell’ambiente”

Leggi tutto

ADA, da vent’anni sempre al fianco degli anziani

ADA, da vent’anni sempre al fianco degli anziani

L’associazione operativa dal 1998 ha da poco trasferito la sede in via Torino Fratucello: “Vogliamo creare un presidio per la spesa davanti ai supermercati”

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti. Navigando se ne accetta l'utilizzo.
Per saperne di più consulta la privacy & cookie policy.